STRESA, 8-11 MAGGIO 2019

Stresa Convention Center
Piazzale Europa, 3 - 28838 Stresa (VB) - Italy

STRESA, 8-11 MAGGIO 2019

Stresa Convention Center
Piazzale Europa, 3
28838 Stresa (VB) - Italy

 

Un posto unico e speciale per le neuroscienze:
costruiamo insieme il nostro futuro.

Cari amici, è con vero piacere che vi presentiamo la 59ma edizione del congresso nazionale della SNO che si terrà a Stresa dall’8 all’11 maggio 2019. Sulla scia del successo ottenuto lo scorso anno a Riccione, caratterizzato da una straordinaria partecipazione sia numerica ma soprattutto di impegno personale dei singoli soci, contiamo di poter dare seguito a questo rinnovato corso della nostra società. Le nostre grandi potenzialitá risiedono nella trasversalità, nell’approccio multidisciplinare alle patologie, nella centralità del paziente più volte sottolineata nelle varie edizioni che si sono succedute negli anni e ancora di più nella possibilità per ognuno di noi di costruire studi, progetti, di conoscersi, di discutere in un luogo di incontro unico tra diverse specialità. Si parlerá di molti argomenti, in modo franco, diretto, libero e onesto, come è sempre stato. E ogni suggerimento dei soci in merito al programma sarà considerato e attuato, perché il congresso deve essere di tutti. Ci piacerebbe quest’anno dare un’occhiata anche al nostro futuro alla luce dei cambiamenti in atto: certamente tecnologici ma anche e soprattutto scientifici e sociali. Dovremo affrontare nei prossimi anni problemi nuovi e sviluppi imprevisti. Non esiste luogo migliore della SNO, per definizione esente da interessi di categoria che non siano quelli delle neuroscienze tout court, per parlarne. E il futuro dovrà anche passare per un ampliamento della nostra “base”: diamo spazio ai neuroriabilitatori, ai neurointensivisti, agli psicologi ospedalieri, ai chirurghi del basicranio e diventiamo un luogo d’incontro aperto a tutti, una piattaforma sulla quale costruire il nostro futuro, il centro delle reti di patologia. Nessuna barriera culturale o scientifica, semplicemente la comfort zone delle neuroscienze. È un’avventura e una sfida. Possa dunque Stresa essere, grazie a noi tutti, la conferma di una svolta.

I Presidenti del Congresso
Elio Agostoni     Marco Cenzato     Luca Valvassori

 

Un posto unico e speciale per le neuroscienze:
costruiamo insieme il nostro futuro.

Cari amici, è con vero piacere che vi presentiamo la 59ma edizione del congresso nazionale della SNO che si terrà a Stresa dall’8 all’11 maggio 2019. Sulla scia del successo ottenuto lo scorso anno a Riccione, caratterizzato da una straordinaria partecipazione sia numerica ma soprattutto di impegno personale dei singoli soci, contiamo di poter dare seguito a questo rinnovato corso della nostra società. Le nostre grandi potenzialitá risiedono nella trasversalità, nell’approccio multidisciplinare alle patologie, nella centralità del paziente più volte sottolineata nelle varie edizioni che si sono succedute negli anni e ancora di più nella possibilità per ognuno di noi di costruire studi, progetti, di conoscersi, di discutere in un luogo di incontro unico tra diverse specialità. Si parlerá di molti argomenti, in modo franco, diretto, libero e onesto, come è sempre stato. E ogni suggerimento dei soci in merito al programma sarà considerato e attuato, perché il congresso deve essere di tutti. Ci piacerebbe quest’anno dare un’occhiata anche al nostro futuro alla luce dei cambiamenti in atto: certamente tecnologici ma anche e soprattutto scientifici e sociali. Dovremo affrontare nei prossimi anni problemi nuovi e sviluppi imprevisti. Non esiste luogo migliore della SNO, per definizione esente da interessi di categoria che non siano quelli delle neuroscienze tout court, per parlarne. E il futuro dovrà anche passare per un ampliamento della nostra “base”: diamo spazio ai neuroriabilitatori, ai neurointensivisti, agli psicologi ospedalieri, ai chirurghi del basicranio e diventiamo un luogo d’incontro aperto a tutti, una piattaforma sulla quale costruire il nostro futuro, il centro delle reti di patologia. Nessuna barriera culturale o scientifica, semplicemente la comfort zone delle neuroscienze. È un’avventura e una sfida. Possa dunque Stresa essere, grazie a noi tutti, la conferma di una svolta.

I Presidenti del Congresso
Elio Agostoni
Marco Cenzato
Luca Valvassori

Topics